.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

sabato 16 gennaio 2010

PROVERBI SICILIANI - per categorie -

AMORE E DONNE


Pigghiala bedda e pigghiala pri nienti,
ca di la bedda ti nnì fai cuntento.

Prendila bella e prendila pure senza dote, perchè della donna bella puoi compiacerti.

Fimmina senza amuri
è ciore senza oduri.

Donna senza amore,
è fiore senza profumo.

Cu' bedda voli appariri,
tanti guai havi a patiri.

Chi bella vuole apparire,
tante sofferenze deve subire.

Nuddu si pigghia
si nun s'assumigghia.

Nessuno si sposa
se non si rassomiglia.

Cu' asini caccia e fimmini cridi,
faccia di paradisu nun ni vidi.

Chi asini insegue e donne crede,
non vedrà il paradiso.

Li difetti de la zita
s'ammuccianu cu la doti.

I difetti della fidanzata
si nascondono con la dote.


Donna baffuta sempre piaciuta

Donna e buoi dei paesi tuoi .


IL TEMPO


A lupu vecchiu,
nun si 'nzigna la tana.

A vecchio lupo non si insegna
la tana.
Chi ruba poco va in galera, chi ruba tanto fa carriera.

Vecchiu 'nnammuratu
di tutti è trizziatu.

Vecchio innamorato è da tutti deriso

Cui tempu aspetta, tempu perdi.

Chi tempo aspetta, tempo perde.

Criscinu l'anni e criscinu i malanni.

Più passano gli anni,
più aumentano i malanni.

Nun ludari la jurnata
si nun scura la sirata.

Non lodare la giornata
se non arriva sera.

La matinata fa la jurnata.

Svegliarsi presto al mattino.

AMICI E PARENTI


E' megghiu n'amucu
chi un tintu parenti.

E' migliore un amico,
che un parente cattivo.

Si vo' passari la vita cuntenti,
statti luntanu di li parenti.

Se vuoi stare tranquillo,
stai lontano dai parenti.

Li megghiu sciarri su' chi parenti.

Le migliori liti sono tra parenti.

Ccu amici e ccu parenti,
'un accattari e 'un vinniri nienti.

Con gli amici e con i parenti,
non comprare e vendere niente.

Nun tiniri amicizia cu li sbirri.
ca cci perdi lu vinu e li sicarri.

Non tenere amicizie con i gendarmi,
perchè perdi vino e sigari.

Cu lu vinnri e lu cumprari,
nun c'è amici nè cumpari.

Con il vendere e il comprare,
non ci sono amici e compari.

Amicu cu tutti e fidili cu nuddu.

Amico con tutti e fedele con nessuno

IL BENE E IL MALE


Fa' beni e scordatillu,
fà mali e pensaci.

Fai del bene e dimenticalo,
fai del male e ricordalo.

Voi sapiri qual'è lu megghiu jocu?
Fà beni e parra pocu.

Vuoi sapere qual'è il miglior gioco? Fai del bene e parla poco.

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara.

I guai della pentola
li conosce il mestolo.

LA FORTUNA


Cu' nesci, arrinesci.

Chi esce dal proprio paese,
trova la fortuna.

Bono tempu e malu tempu,
nun dura tuttu tempu.

Buon tempo e brutto tempo
non durano sempre.

Diu a cu' voli beni,
manna cruci e peni.

Dio manda dolori e pene,
a chi vuole bene.

Lu Signuri duna viscotta
a cù nun havi anghi.

Dio dà biscotti agli sdentati.

A meglio acqua sa vivino i porci

Le cose migliori le ottengono le persone sbagliate.

LA LIBERTA’


A la casa di lu patruni
ogni jornu è festa.

In casa del padrone
ogni giorno è festa.

La bona mugghieri è la prima
ricchizza di la casa.

La buona moglie è la prima
ricchezza della casa.

Casa senza omu,
casa senza nomu.

Casa senza uomo,
casa senza nome.

Di cui sunnu li figghi,
si l'annaca.

Ciascuno deve accudire
ai propri figli.

Li picciriddi hannu a parrari,
quannu piscia la gaddina.

I bambini debbono parlare
quando la gallina piscia.

Dio ti scansi di lu malu vicinu,
e di principianti di viulinu.

Dio ci liberi del cattivo vicino,
e del suonatore di violino.

L'acidduzzu 'nta la gaggia,
nun canta p'amuri, canta pri raggia.

L'uccello nella gabbia,
non canta per amore, canta per rabbia.

LA FAME


Accussi voli Diu,
tu manci e io taliu.

Così vuole Dio,
Tu mangi e io guardo.

Saccu vacanti nun pò stari a 'gritta.

Sacco vuoto non può reggersi in piedi

Lu sazio nun cridi a lu dijunu.

Il sazio non crede al digiuno.

Carni fa carni, pani fa panza,
vinu fa danza.

Carne fa carne, pane fa pancia,
vino fa danzare.

Cu' mancia crisci,
cu nun mancia sparisci.

Chi mangia cresce bene,
chi non mangia muore.

Rizzi, pateddi e granci,
spenni assai e nenti manci.

Ricci, patelle e granchi,
molto spendi e poco mangi.

Tri sunnu li boni muccuna,
ficu, persichi e muluna.

Tre sono i buoni bocconi,
fichi, pesche e meloni

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità