.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

venerdì 4 giugno 2010

Come risolvere il problema della liquidità e far crescere l'azienda

In ogni azienda, grande o piccola che sia, il denaro liquido è il carburante che occorre per mantenere e per far crescere l'attività. Quindi il primo imperativo per sopravvivere è quello di avere degli incassi almeno pari alle uscite.

Spesso, però, si verifica che le uscite superino le entrate.

Ma cos'è che non funziona in azienda quando sì incontrano difficoltà a pagare i fornitori, ad ammortizzare i finanziamenti ricevuti, a finanziare nuovi programmi di espansione commerciale o produttiva

Le cause possono essere di diversa natura:

  • talvolta il punto debole è l'eccessivo credito verso il cliente: ogni credito commerciale è un costo per l'azienda che, in pratica, finanzia il cliente;
  • talvolta il problema sta nella fiacchezza delle vendite o nella scarsità del capitale proprio e porta ad un eccessivo indebitamento;
  • talvolta il problema risiede nell'eccessivo accumularsi delle scorte;
  • talvolta il problema è dovuto ad una riduzione dell'utile lordo a causa dell'aumento dei costi di produzione;
  • talvolta il problema è la stagionalità; può darsi che le scorte vengano pagate prima che inizi la stagione delle vendite;
  • talvolta il problema è la crescita del giro di affari: perché magari si verifica che le vendite generano liquidità più lentamente del previsto: mentre si espandono fanno crescere il fabbisogno di liquidità.

Come si vede i problemi di liquidità sono diversi e a volte complessi.
La maggior parte di essi possono essere risolti con provvedimenti attenti e ben ponderati, ma, in ogni caso, se si riescono a prevedere per tempo e nella loro effettiva entità se ne potranno ridurre al minimo gli effetti nocivi alla sopravvivenza e alla redditività dell'azienda.

Per questa ragione occorre che l'imprenditore abbia un quadro preciso della situazione e delle prospettive della sua azienda, deve cioè avere un riferimento affidabile per le sue decisioni, per dare a queste una buona probabilità di riuscita e per non esporle al rischiodi una scommessa fatta più o meno alla cieca.

In altre parole l'imprenditore deve poter rispondere chiaramente ed esattamente a domande importanti:

  1. Qual'è il fabbisogno finanziario della mia azienda?
  2. Perché non riesco a soddisfarlo con l'utile?
  3. L'utile dell'azienda sarà sufficiente a far fronte alla restituzione dei debiti lungo termine, quando scadranno?
  4. Quanto denaro mi occorre? Per quanto tempo? A quali condizioni?E' ilcaso di aumentare l'indebitamento?
  5. Come potrò pagare gli interessi del debito che mi appresto a contrarre? E come lo estinguerò alla scadenza?

A tutte queste domande l'imprenditore può avere sicuramente una risposta se pianifica e programma la gestione della sua azienda utilizzando gli strumenti del budget e del controllo del flusso di cassa.

Tali strumenti non hanno nulla di misterioso. Tutto ciò che occorre all'imprenditore sono buone informazioni finanziarie e una previsione attendibile della gestione aziendale.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità