.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

martedì 6 marzo 2012

Ferrandelli vince sulla Borsellino e poi?

Tra le tante polemiche e ripensamenti da parte del Partito Democratico, in specifico Bersani, in questi giorni si sta trattando delle primarie tenutosi a Palermo. Ha vinto Ferrandelli giovane outsider trentenne, ex idv, che ha sfoderato un nuovo approccio, forse con un pò di fortuna, ha dato e ha ispirato fiducia a tanti cittadini palermitani di sinistra. E dall'altro vediamo Rita Borsellino uscita dal suo scomparto di "privilegiata", visto anche gli inviti compreso il Signor Vendola, sconfitta per mille e una motivazione. Allora iniziamo dicendo che un Partito come quello di sinistra che a conti fatti, cioè il giorno dopo le primarie e a sconfitta avvenuta, rivaluta la modalità democratica di eleggere il proprio candidato mi fa proprio riflettere. Secondo voi le dichiarazioni di un leader devono privilegiare una parte più che un'altra? Io direi che visto le notizie di questi giorni comprese le dichiarazioni della Borsellino su Radio 24 ritengo che le primarie si siano svolte secondo modalità più che legittime. Ricordo sempre a chi mi legge in questo blog che il fratello della Borsellino era di tutt'altro schieramento e se la Signora Borsellino pensava di arrivare ai cittadini palermitani usando solo il cognome si è sbagliata. Forse non si è resa conto che dimostrare ai propri elettori il proprio sostegno significa arrivare a loro direttamente. I palermitani lo sanno e la Signora Borsellino a mio avviso non ha proprio provveduto a lavorare su questo aspetto. Non può un leader nazionale parlare di situazione difficile. Non credo che qui a nord le cose vadano meglio. Se il Signor Bersani parla di Mafiopoli non ha ben capito che il caso palermitano è allo stesso livello del caso bolognese tanto quanto quello di Roma o Milano. Questo è quello che è avvenuto pre e post primarie, perchè ripensare e declassare un meccanismo democratico efficace come le primarie? Bisogna usarlo solo per legittimare la candidatura del proprio prescelto? Anche in questo caso il Signor Bersani aveva pensato alla sua prescelta, ma non è del tutto vero che quello che decide un leader, di un partito di sinistra debole e in una fase delicata, può far sminuire uno strumento legittimato proprio da esso. Signor Bersani come è possibile farsi carico di dichiarazioni così discordandi tra l'etica e la pratica politica? Non facciamo che il leader di sinistra vuole passare dall'altro lato? Magari sulla falsa riga di Veltroni? Forse ci si accorge che la destra moderata e cristiana in questo momento sta aiutando il paese a rinnovarsi. In silenzio verso una nuova fase di consenso e di legittimazione più forte. Forse si pensa che “giù” politicamente sia diverso dal “nord” Italia invece è solo la conferma che la strategia di Ferrandelli è arrivata al segno. Cosa vi voglio sottolineare? La campagna per le primarie verteva tutto sulla persona Ferrandelli. Che cosa significa? Nessun simbolo sui cartelloni, né falce e martello, per carità e per fortuna di quest'ultimo, un'uscita da un partito di centro sinistra come quello di Dipietro hanno fatto fare il goal al giovane, ma solo per quanto riguarda la sinistra. Poiché Palermo non conta solo quei 30.000 elettori, li comprende sicuramente, ma non fa la differenza tra un outsider e una “privilegiata”. Parliamo di far risalire l'onorabilità della Palermo viva onesta e lavoratrice, aggiustando i conti nelle casse del Comune. Solo chi ha vicino l'ascolto della gente e il senso dello Stato può sistemare le cose. Non bastano dichiarazioni senza succo di un leader che non conta già quasi niente a fermare la volontà già scritta dei palermitani. E non mi vengano a raccontare che Mafiopoli è sempre presente. Leviamo questi cliché da periodo post guerra, evitiamo di demonizzare una situazione spiacevole come una realtà assoluta. Invito Bersani a girare un poco la Sicilia e magari a restarci per qualche mese. Le primarie sono andate in questa maniera punto. Ci saranno eventi positivi per la politica cristiana in sicilia che faranno risalire dal quinto posto della classifica delle città italiane questa splendida città mediterranea.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità