.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

mercoledì 5 settembre 2012

In Italia: "Chiusura dei negozi e rischio lavoro"

In Italia rischiano la chiusura almeno 150.000 piccole attività commerciali ed artigianali e con l'Imu (Imposta municipale propria) è probabile che col rinnovo dei contratti di locazione ci saranno ulteriori aumenti dei canoni.
Entro l'anno rischiano la chiusura almeno 150.000 piccole attività commerciali ed artigianali e con l'Imu è probabile che col rinnovo dei contratti di locazione ci saranno ulteriori aumenti dei canoni. Lo rileva Giuseppe Bortolussi, segretario Cgia di Mestre, che ha stilato una lista dalla quale emerge che gli affitti mensili più cari sono a Venezia: 7.228 euro in centro, 1.794 in periferia.Dall'indagine risulta che a Bari gli aumenti sono stati dell' 89,1%, a Genova del 70,1%, a Palermo del 68%, a Torino del 57,4% e a Roma del 53,4%. Sono solo alcuni degli aumenti che hanno subito i canoni di locazione dei piccoli negozi commerciali e dei laboratori artigianali nei centri storici delle grandi città italiane (periodo 2001-2011). Purtroppo, le cose, per Cgia, non sono andate per niente bene nemmeno in periferia: sempre nello stesso periodo di tempo gli affitti per i piccoli commercianti e gli artigiani sono saliti dell'82,6% a Bari, del 57,8% a Torino, del 48,4% a Roma, del 48,1% a Genova e del 46,7% a Cagliari.
 
La Cgia (Confederazione Generale Italiana dell’Artigianato) ricorda che nello stesso intervallo di tempo l'inflazione media nazionale è cresciuta del +24%. "In Italia - osserva Bortolussi - noi stimiamo che almeno 2 negozi/botteghe artigiane su 3 siano in affitto. E' vero che in questi ultimi 2/3 anni c'é stato una leggero calo del prezzo degli affitti, tuttavia se sommiamo gli aumenti avvenuti negli ultimi 10 anni dei canoni di locazione, delle tasse locali e delle utenze il peso dei costi fissi a carico dei piccoli negozianti e degli artigiani è diventato insopportabile". Bortolussi inoltre spiega che con la crisi "che non accenna a venir meno, il costante calo dei consumi e la concorrenza sempre più dilagante della grande distribuzione, non è da escludere che almeno 150.000 piccole aziende commerciali ed artigianali saranno costrette a chiudere i battenti entro il 2012". A 'consolidare' la situazione di difficoltà che stanno vivendo le micro imprese del commercio e dell'artigianato ci sono anche i dati raccolti dell'Istat: tra il 2005 ed il 2011 l'indice delle vendite del commercio fisso al dettaglio è diminuito del 4,7%, mentre le vendite della grande distribuzione sono aumentate del 6,6%.
 
Per la Cgia (Confederazione Generale Italiana dell’Artigianato) c'é un ulteriore problema che sicuramente farà capolino nei prossimi mesi: "con l'avvento dell'Imu (Imposta municipale propria) - sottolinea - i proprietari di negozi e di laboratori artigiani hanno subito, rispetto il 2011, aumenti medi di imposta del +75%. Pertanto, è molto probabile che in sede di rinnovo dei contratti di locazione i proprietari di questi immobili si rivarranno sui conduttori, chiedendo un forte ritocco all'insù degli affitti". Riguardo al costo dell'affitto medio, sia nelle aree centrali, sia in quelle periferiche delle grandi città italiane, più cara risulta essere Venezia: in un negozio/laboratorio del centro con una superficie media che nella città lagunare si aggira attorno ai 75 mq, l'affitto mensile medio è pari a 7.228 euro, seguono Roma (superficie media pari a 78,5 mq circa), con 4.133 euro e Milano (68 mq circa), con 3.099 euro. Anche nelle zone periferiche delle città è sempre Venezia la più 'esosa': l'affitto mensile medio è pari a 1.794 euro. Al secondo posto si 'piazza' Roma, con 1.524 euro, e al terzo Ancona, con 1.098 euro.


Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità