.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

giovedì 24 dicembre 2009

Sviluppo sostenibile: pensare oggi per il domani

Sviluppo sostenibile: pensare oggi per il domani

Il termine "sostenibilità" è stato impiegato per la prima volta in silvicoltura nel 1713 da Hans Carl von Carlowitz: definiva la gestione di un bosco in cui si abbatte unicamente la quantità di legno che è in grado di ricrescere.

La concezione moderna di sostenibilità è illustrata nel rapporto ONU del 1987 dal titolo "Il nostro futuro comune": in esso si afferma che lo sviluppo è sostenibile quando garantisce i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri.

Condizione fondamentale per la sostenibilità è il successo economico. Solo così un'azienda può disporre del margine di manovra necessario per minimizzare l'impatto sull'ambiente e far fronte alla propria responsabilità sociale.

Un operato sostenibile è sempre in bilico fra dipendenze negative e positive: lo standard Minergie sui fabbricati, per esempio, riduce il fabbisogno energetico e di conseguenza anche i costi. I filtri CRT, al contrario, proteggono i polmoni trattenendo le polveri sottili, ma aumentano i consumi di carburanti.

Già dal 1998

La politica imprenditoriale della Posta inizia a occuparsi di sostenibilità nel 1998, ma concentrandosi ancora prevalentemente sulla tutela ambientale. Il fattore sostenibilità e la consapevolezza delle interdipendenze esistenti in campo economico, ecologico e sociale si sono sviluppati in modo graduale.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità