.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

mercoledì 27 gennaio 2010

Francia: Legge contro il Burqa


La Francia va verso il divieto del burqa e nel niqab nei locali pubblici. La commissione parlamentare di studio che per settimane ha affrontato il tema ha raccomandato che il velo islamico che copre interamente il volto delle donne sia vietato in tutte le scuole, gli ospedali, itrasporti pubblici e negli uffici statali. Il burqa, è la conclusione del rapporto, offende i valori nazionali della Francia di duecento pagine è stato presentato ieri all'Assemblea Nazionale. I parlamentari - che hanno anche raccomandato di votare una risoluzione parlamentare sull'uso del velo islamico per riaffermare i valori fondamentali della Repubblica in questo settore - non si sono spinti fino a sconsigliare il divieto nelle strade e nei centri commerciali, eventualità da cui si erano dissociati i socialisti. Secondo il rapporto, e donne islamiche «non solo dovranno mostrare il viso quando entrano in un ufficio pubblico, ma dovranno mantenerlo scoperto per tutto il tempo della loro presenza all'interno della struttura». Le donne inadempienti non incorrerebbero in sanzioni penali, ma semplicemente si vedrebbero negare i servizi richiesti dall'addetto allo sportello. Il contenuto del rapporto era già stato anticipato la scorsa settimana dal presidente della commissione, il deputato Andre Gerin, che aveva fatto notare che coprirsi il volto «significa la negazione dell'identità, della personalità »: nei sei mesi in cui ha lavorato, la commissione ha constatato «che il problema è ancora più grave di quel che si crede ». E a titolo d'esempio, Gerin aveva ricordato che le aziende hanno varato norme sui vestiti delle donne, in alcune scuole le bambine sono esentate dal fare ginnastica e negli ospedali le donne che accompagnano donne completamente vestite spesso esigono che vengano visitate da infermiere e medici donna. In Francia, Paese con la più grande minoranza di musulmani in Europa (sei milioni) ma in cui solo duemila donne portano il velo integrale, la polemica sul suo uso si è accentuata dal giugno scorso, quando il presidente Nicolas Sarkozy disse che in Francia il burqa non sarà mai il benvenuto «con nessun pretesto, in nessuna condizione e in nessuna circostanza ». In Italia, il ministro degli Esteri, Franco Frattini, si è detto contrario «in linea di principio a una pura e semplice proibizione per legge» dell'uso del burqa e di fatto boccia la proposta di legge allo studio in Francia.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità