.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

martedì 22 maggio 2012

Amministrative 2012 “vince” il movimento 5 stelle


Il punto sulle amministrative è che la lega nord floppa, ha floppato e continua la discesa dei consensi e su questo ne parlano tutti i tg, quotidiani e quindi non mi soffermo perché oramai la credibilità del carroccio va a scemare, come va in fallimento la vecchia proposta politica dello stesso ex leader Umberto Bossi. Sette sconfitte in sette comuni. Nonché lo stesso segretario in pectore Maroni, come lo stesso Alfano nel pdl, non si riprenderà molto facilmente. E il centro destra o si sveglia e incomincia a dimostrare di sapere quello che dice o il rinnovamento e la rigenerazione sarà il concetto principale per i prossimi dieci anni, ed essi stessi esclusi già a priore. Il motto di oggi è “Nuove proposte politiche per lo sviluppo e la crescita!” Il conservatorismo serve quando il sistema è stabile e il cittadino gestisce la sua vita secondo il suo “sacrificio” lavorativo. Oggi la risposta a questo tipo di conservatorismo di destra, circoscritto oramai al giudizio permanente, deve cambiare e quindi la tiritera malinconica e puerile dettate in mille parole vuote di significato, soprattutto mediatico, non serve più. Comunque il vento anti-casta spira a gonfie vele e il centrosinistra riesce, nonostante tutto, a guadagnare posizioni. Confermati invece i trend del primo turno a Genova e Palermo, dove si affermano rispettivamente Marco Doria del centrosinistra con il 59,7% e Leoluca Orlando (Idv-Sel) con il 72,4 per cento. Quest'ultimo ha sconfitto il candidato del Pd Fabrizio Ferrandelli e si accinge a governare il capoluogo siciliano per la quarta volta. Considerando il fatto che Orlando non è né il nuovo né il cambiamento, poiché è stato sindaco per ben tre volte a Palermo e questa sarebbe la quarta. Il vero cambiamento nel capoluogo siculo non c’è stato. Ricordo che ieri in un intervista Orlando ha denigrato IDV di Di Pietro scostandosi verso un polo fantasma, facendosi solista di una città troppo grande e troppo influenzata. A mio parere e a parità di condizioni un giovane Ferrandelli sarebbe stato la svolta del “sud” per quanto riguarda queste amministrative visto il risultato del pre ballottaggio. Tuttavia la vera svolta è iniziata nella città emiliana. A Parma Federico Pizzarotti, 39 anni, sposato da nove con un'altra attivista del movimento, è esperto di tecnologia sarà il sindaco più giovane della storia di Parma. Il nuovo sindaco nella città emiliana, che fu moderatamente rossa e a lungo in mano del centrodestra fino al fallimento e al commissariamento dell’ultima giunta berlusconiana. Così è il movimento 5 stelle che si impone ed è il primo e finora unico caso in un centro importante come Parma. I dati ufficiali lo danno al 60,22 contro il 39,77 dell'avversario Vincenzo Bernazzoli, candidato del centro sinistra e attraverso una rimonta di venti punti rispetto al primo turno. Da dove sono arrivati quei voti che mancavano a Pizzarotti? Sommando i voti di scarto direi tutti dal centrodestra.  Il calcolo matematico è semplicissimo. Il “grillino” ha vinto il ballottaggio ottenendo 51.235 voti. Ossia 23.000 consensi in più rispetto a quelli che aveva totalizzato al primo turno, quando la somma delle preferenze andate ai due candidati del centrodestra - l’ex sindaco Ubaldi e Ghiretti - ammontava proprio a 23.000. Comunque sia ha vinto la gente comune questo è il punto, i cittadini stufi della politica magna magna. E’ora di restare con i piedi per terra e cercare di fare le cose meglio dei vecchi politici, dei vecchi amministratori “furbi”. Cercando di dimostrare il buco creato nei bilanci e fornendo più informazioni trasparenti alla gente. Buon lavoro sia ai buoni e sia ai cattivi neo eletti.

3 commenti:

  1. I miei più sentiti complimenti per come scrivi. Sono in pochi così giovanissimi che si mettono e analizzano senza dubbi fatti di rilevanza politica nazionale. Di nuovo Complimenti! In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  2. A Palermo meritava di vincere Ferrandelli!!

    RispondiElimina
  3. FORZA AL MOVIMENTO 5 STELLE CONTRO LA CASTA E CONTRO I PARTITI TRADIZIONALI.

    RispondiElimina

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità