.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

martedì 25 gennaio 2011

Migliaia di manifestanti hanno marciato per chiedere le dimissioni del presidente Mubarak


Rispondendo alla chiamata di alcuni movimenti di opposizione ispirato alla rivolta tunisina, migliaia di manifestanti sostenendo slogan anti-governativi hanno marciato martedì in diverse città in Egitto.
"Mubarak release", "La Tunisia è la soluzione", cantavano i manifestanti al Cairo, ad Alessandria, di fronte a una massiccia presenza della polizia. Tra 20.000 e 30.000 poliziotti erano schierati al Cairo, la capitale, dove sono stati sparati lacrimogeni contro i manifestanti, per lo più giovani, raccolti nelle principali Tahrir Square e suoi dintorni. La polizia aveva qualche sasso. Verso sera, erano ancora migliaia in piazza cantando "la gente vuole la partenza del regime", riferisce l'agenzia internazionale. La protesta anti-governative è stata la più grande da quando la rivolta del 1977 ha causato un aumento dei prezzi del pane, secondo gli esperti. Per diversi giorni, circa 17 milioni di egiziani prepararono su Internet questi eventi. E' stato utilizzato Internet quinsi una sorta di rivoluzione in un paese dittatoriale. Twitter e Facebook, che è oggi utilizzato da solo 5 milioni di utenti egiziani, i messaggi vengono a ritmo denso e veloce. Difficile non fare dei parallelismi con la situazione in Tunisia, che alcuni lo hanno soprannominato "la prima rivoluzione Facebook. Il presidente egiziano, Hosni Mubarak, al potere da 29 anni, è davvero una causa dello stesso scenario tunisino? Secondo l'agenzia internazionale le reti internet sono seriamente danneggiate nel paese egiziano. Altri ancora sostengono che è possibile accedere a Twitter.
Nei giorni precedenti agli eventi, i social network erano in funzione a pieno regime. "Caro popolo della Tunisia, il sole della rivoluzione non scivola via", si legge sulla pagina Facebook del gruppo egiziano "del 25 gennaio: la rivoluzione della libertà", con quasi 400.000 fans, per i quali questo martedì è di particolare importanza. Il 25 gennaio è davvero "il giorno della polizia," la celebrazione si tiene ogni anno in memoria del sorgere di forze dell'ordine contro gli inglesi del 1952. Gli utenti di Internet chiamano la polizia ad unirsi ai manifestanti per andare contro il loro regime. Un altro gruppo, chiamato "Revolution Day", si vanta di aver mobilitato più di 80.000 egiziani e si sono dichiarati pronti a scendere in piazza martedì nelle strade del Cairo, la capitale.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità