.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

sabato 26 marzo 2011

L'Unione europea presenterà i test nucleari di sicurezza.


L'Unione Europea sta preparando gli "esami di prova" per le centrali nucleari con i test di sicurezza, se necessario. Rimuovere le strutture è necessario per ridurre il rischio di un incidente come quella vissuta dal Giappone. C'è da dire che "se una centrale non supera questi test, sarebbe stata chiuso", ha assicurato il capo di stato francese Nicolas Sarkozy Venerdì, dopo un vertice Ue a Bruxelles. L'impegno è importante perché la Francia gestisce 58 dei 143 reattori operativi in ​​quattordici dei 27. Tuttavia, 34 di questi impianti hanno più di 30 anni, come la centrale di Fessenheim vicino a Mulhouse (Est), che si trova in una zona sismica e la chiusura del quale è stata chiesta per anni dagli ambientalisti. Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il Primo Ministro spagnolo Jose Luis Zapatero sono sulla stessa linea. "Non possiamo fare come se nulla fosse successo" in Giappone ", ha detto la Signora Merkel. La Germania ha già deciso di sospendere per tre mesi in sette dei suoi 17 reattori. "Mentre è chiaro che se un impianto non supera la prova e non può fare nulla, è logico che sia chiuso e fermato", ha detto Zapatero. La Spagna ha sei stazioni e nove reattori. Esperti nucleari da parte della Commissione europea e il Gruppo dei regolatori europei ENSRG, un organismo indipendente creato nel 2007, si riunirà da Lunedi a definire i controlli e le procedure. Dalla Commissione: Le loro proposte sono attese all'inizio di aprile e un catalogo di criteri di sicurezza devono essere sviluppate per il mese di giugno. "Vogliamo gli standard della massima sicurezza", ha sottolineato il presidente dell'Unione europea, Herman van Rompuy. Il Commissario all'Energia, Günther Oettinger si è detto convinto che "più reattori non soddisfano i più elevati standard di sicurezza". La questione rimane in sospeso, ha riconosciuto il presidente della Commissione europea Jose Manuel Barroso. "Non lasciare che gli esperti delle prove sono legati alla lobby nucleare", ha avvertito il primo ministro del Lussemburgo Jean-Claude Juncker.
La posta in gioco è enorme, 24 nuovi reattori sono in programma nella UE, sei dei quali sono già in costruzione: due in Bulgaria, Finlandia, uno in Francia e due in Slovacchia.
La Francia spera di continuare a vendere la sua tecnologia nucleare e impostando nuove norme di sicurezza a prevalere sui suoi concorrenti. L'Italia si dichiara favorevole. "cose da far accapponare la pelle ad Augusto e Tito" e secondo le statistiche anche a molti italiani. Tuttavia, ritornando all'incidente presso lo stabilimento di Fukushima in Giappone in cui ha scalfito l'entusiasmo messo in rivivere i timori nucleari.
La Merkel ha detto che la Germania vuole vedere il più rapidamente possibile il da farsi sul nucleare e all'Italia è stato dato un anno di "riflessione" per decidere se torna al nucleare, abbandonato nel 1987 dal referendum. La fine del nucleare non è per domani. "Quasi il 30% dell'elettricità europea proviene da centrali nucleari e l'energia nucleare rimane una fonte di breve-sourcing, ma anche di medio e lungo termine", afferma Günther Oettinger.
Ancora traumatizzati dalla catastrofe di Chernobyl in Ucraina nel 1986, l'UE vuole spingere i suoi vicini di giocare come trasparenza. "Dobbiamo assicurare che tutti in Europa si impegnino a precisi parametri, ha detto Oettinger, e miriamo al nucleare dei nostri paesi vicini come la Svizzera, Russia, Ucraina, Bielorussia, o anche la Turchia, dove sono in programma tre centrali nucleari.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità