.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

domenica 23 gennaio 2011

Tunisia: la "Carovana della liberazione" ha sfilato per le strade di Tunisi.


Un convoglio composto da un migliaio di giovani manifestanti dal centro del paese chiamato "Carovana della liberazione" è arrivata nella capitale tunisina di domenica. I manifestanti hanno chiesto le dimissioni del governo di transizione. Vengono da Bouzaiane Menzel, Sidi Bouzid e Regueb nel centro-ovest, e chiedere le dimissioni del governo tunisino di transizione.
Arrivati in Tunisi dopo un viaggio durante il quale i suoi membri si sono alternati a piedi e spostamenti in auto. Tra i circa 300 voli al convoglio, i manifestanti sono stati quasi un migliaio di iscritti della capitale tunisina - per lo più di giovani. Il loro messaggio è chiaro: essi chiedono la partenza dei ministri già in carica sotto Ben Ali. "Questi ragazzi non vogliono battere la loro rivoluzione, mi dice Aissa al telefono, mio amico tunisino.
Mi dice che vogliono ricordare che la rivoluzione è parte di Sidi Bouzid, la città dove il giovane Mohamed Bouazizi si è dato fuoco, e andranno fino in fondo, a fianco degli abitanti di Tunisi".
Una volta nel centro di Tunisi alle 7.30, i manifestanti - uniti da sindacalisti e attivisti dei diritti umani - hanno rimbalzato Avenue Habib Bourguiba, l'arteria centrale della capitale, dove le manifestazioni si svolgono ogni giorno, prima di accontentarsi di un sit-in davanti al ministero dell'Interno, dove hanno distribuito loro un grande ritratto di Maometto su un banner Bouazizi. La loro determinazione è incrollabile, secondo le loro parole: "Abbiamo bisogno di Ghannouchi, lui ha le mani piene di sangue, come l'RCD," lo leggo sui giornali francesi e me lo ripete Aissa al telefono."Ma non si vergognano?"
Nonostante le ripetute assicurazioni fornite dal governo di transizione, questi giovani si ribellarono contro il dominio di alcuni capi del vecchio regime al governo di transizione formato lunedì.
Mi ricorda Aissa che il primo ministro Mohammed Ghannouchi, moltiplica ancora promesse per placare la collera della strada. Venerdì sera in un'intervista televisiva, è stato annunciato che "tutte le leggi anti-democratiche sarebbero state abrogate" le leggi elettorali e il terrorismo, e il codice di stampa. Egli ha anche promesso di preservare lo status delle donne, che vieta la poligamia, l'istruzione gratuita e l'accesso alla salute. Egli ha infine promesso che si sarebbe ritirato dopo la costituzione di un nuovo governo democratico.
Un altro segno di promessa di apertura democratica è la rimozione di l'autorizzazione preventiva per l'importazione di libri, riviste e film, la vera censura esercitata dal precedente regime.
Tuttavia, la rabbia non è di sciopero e le chiamate sono in aumento nel paese. Sabato pomeriggio nella capitale, molti agenti di polizia chiedendo il diritto di formare una nuova unione. Essi hanno affermato anche migliori condizioni di lavoro e le dimissioni del governo.
Aissa sa benissimo l'italiano è un insegnante e un agente di viaggio, conosce benissimo tutta la letteratura italiana e non ci crederete, non è mai venuto in Italia, mai.
Sempre in Tunisia lunedì è stata la volta degli insegnanti a prendere la scena. L'unione di tunisini insegnanti di scuola primaria hanno invitato i suoi membri ad osservare uno sciopero ad oltranza dopo la ripresa dei corsi in programma, chiedendo "la dissoluzione del governo".
Immaginate cosa è successo: Il ministro dell'Istruzione superiore, l'avversario Ahmed Brahim, ha invitato gli insegnanti ad abbandonare questo "sciopero irresponsabile". Forza Aissa siamo con te e con tutti voi tunisini.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità