.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

lunedì 14 febbraio 2011

Stato di emergenza - L'Italia affronta l'arrivo di migranti tunisini.


Sabato il governo italiano ha dichiarato lo stato di emergenza umanitaria di fronte ai migliaia di immigrati clandestini che arrivano dalle coste tunisine, una procedura per accelerare l'adozione di misure per lottare contro questo fenomeno. Il consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato di emergenza umanitaria a causa dell'afflusso di cittadini nordafricani nel territorio meridionale. "La presente decisione consentirà l'adozione immediata da parte della protezione civile con misure necessarie per controllare il fenomeno e fornire assistenza ai cittadini provenienti dal Nord Africa", ha detto una breve dichiarazione.
La protezione Civile ha istituito un'unità di crisi per affrontare specificamente questo problema.
"L'esodo ha registrato in questi giorni proporzioni bibliche a Lampedusa, una cifra mai registrata prima", non ha esitato a dire il sindaco della piccola isola, Bernardino De Rubeis.
Circa 4.000 immigrati clandestini, in gran parte tunisini, sono sbarcati negli ultimi quattro giorni a Lampedusa, secondo Antonio Morana, comandante della capitaneria di porto della piccola isola.
Durante tutta la giornata di sabato solo 214 immigrati clandestini giunti a Lampedusa a bordo di cinque navi diverse. La polizia italiana ha identificato una decina di altre barche in direzione di Lampedusa, la più vicina si trova a circa 40 miglia nautiche e la più lontana circa 70 miglia.
Le autorità italiane hanno stabilito un ponte aereo e anche dei traghetti utilizzati per sbloccare la piccola isola di Lampedusa, travolto da immigrati clandestini. Gli aspiranti immigrati sono stati trasportati ai centri di identificazione e di espulsione in Sicilia.
Quindi l'Italia ha sollecitato l'aiuto dell'Unione Europea per affrontare questa ondata di immigrati clandestini, mettendo già in guardia contro il rischio di una "crisi umanitaria".
I ministri degli Interni, Roberto Maroni, e degli Affari Esteri, Franco Frattini, hanno affermato in un comunicato congiunto "l'urgente convocazione di una riunione a livello politico del Consiglio di giustizia e affari interni dell'Unione Europea." L'Italia "domanda l'immediato invio di una missione di pattugliamento al largo delle coste della Tunisia per il controllo del flusso di clandestini", hanno continuato. La proclamazione dello stato di emergenza consente ai funzionari locali, come prefetti, per esempio, di adottare immediate misure operative. Esso consente anche l'utilizzo rapido dei fondi speciali. Poi il ministro Maroni prosegue: "L'Unione europea ha solo lasciato l'Italia, come al solito" di fronte allo sbarco di circa 5.000 persone in cinque giorni. "L'Europa non fa nulla. Sono molto preoccupato" e ha chiesto l'intervento urgente dell'Unione europea perché il Maghreb sta esplodendo. Come al solito, siamo stati lasciati soli. Gestiamo da soli la preparazione alle emergenze umanitarie. L'intervento dell'Europa è essenziale, ha sottolineato il ministro. Le autorità tunisine avevano inviato rinforzi per arginare il flusso dei clandestini dalle coste tunisine verso l'Europa. A Bruxelles, la Commissione europea ha detto che la revisione delle misure di sicurezza potrebbero aiutare l'Italia. Il commissario europeo per la sicurezza Cecilia Malmström ha parlato personalmente ieri con Maroni, ed "è pienamente consapevole della pressione eccezionale per l'Italia e dello sbarco massiccio" ha detto un portavoce della Commissione. Quasi 1.400 persone sono arrivate a Lampedusa a partire dalla mezzanotte di sabato secondo i dati della Guardia Costiera.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità