.

.

© - Home ufficiale - Il Blog di Giacomo Palumbo

martedì 22 ottobre 2013

Legge di stabilità: Imu, Tari, Tasi, Trise, Ecobonus.

La Legge di stabilità inaugura una manovra per il 2014 da 11,6 miliardi, per la quale si annuncia una vera e propria corsa a ostacoli con il pressing di forze politiche e parti sociali per i numerosi cambiamenti, annunciati e richiesti. Con un percorso dal Senato, dove così parte la sessione di bilancio.


Sul costo del lavoro la legge prevede meccanismi di contenimento della spesa in tutti i settori, con misure orizzontali che riguardano tutto il pubblico impiego.
A proposito del cuneo fiscale il premier Enrico Letta ha ribadito di essere favorevole ad una variazione che tenga conto dei figli e del carico familiare. E sotto il profilo delle tasse sulla casa, il governo ha precisato in merito a vecchie e nuove imposte i circa 4 miliardi previsti come gettito dalla nuova Tasi sono meno dei circa 5 miliardi garantiti dalla vecchia Imu e dalla componente Tares servizi indivisibili, rispondendo così ad un’ennesima discussione sull’ipotesi di una nuova “batosta” evocata da diversi esponenti del Pdl. Il governo dovrà quindi destreggiarsi tra mille richieste cercando di evitare quell’effetto peggiorativo.
Il minor gettito per i Comuni, ha precisato il ministero delle Finanze, è compensato da trasferimenti dallo Stato. In breve i conti della relazione tecnica sono chiari ma innegabilmente “arruffate”, che per la prima volta dopo diversi anni approda in Parlamento sotto forma di testo aperto.

Dal Pd intanto un suggerimento arriva dal candidato alle segreteria Gianni Cuperlo il quale parla
di “alcuni punti irrinunciabili” dei quali si dovrà tenere conto nell’iter parlamentare come l’indicizzazione delle pensioni fino a sei volte il minimo, che deve essere integrale.
Per quanto agli esodati, ha proseguito, non va bene che siano solo seimila quelli messi in sicurezza. Bisogna riconsiderare il varare di una legge che tolga di mezzo il Porcellum di Calderoli, incalza Cuperlo, occorre “una maggioranza più ampia di quella che ora regge il governo”.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità Impresa Edile e Stradale

Pubblicità